• yoga-palestra-milano 02
  • yoga-palestra-milano 03
  • yoga-palestra-milano 04
  • yoga palestra milano

Lo Yoga dei 5 elementi

IN COSA CONSISTE IL CORSO

È un corso incentrato sulla pratica delle Āsana - le posture della tradizione millenaria Yoga - e la loro concatenazione in sequenze sempre differenti, in stretta connessione con il respiro.
E’ un percorso, fisico e interiore, che attraversa i 5 elementi fondamentali: terra, acqua, fuoco, aria, etere sottile.
Tali elementi fondamentali della natura hanno riflessi profondi nel nostro essere e governano zone specifiche del nostro corpo e dei nostri stati interiori.
Il corso è diviso in 5 parti, ognuna delle quali è dedicata a un elemento e alla connessa pratica: concatenazioni di posture, respiro, rilassamento.
Scopriremo, attraverso la pratica yoga, le qualità dei 5 elementi e come risvegliarle dentro di noi. A ogni elemento corrisponde la salute di una zona specifica del nostro corpo e un’attitudine interiore. Sarà un percorso ascendente: dalla terra al cielo, dalle radici alle frode, dai piedi al capo, dalla necessità di sicurezza al desiderio di superarla.

GLI EFFETTI DEL CORSO

La pratica dello Yoga ci aiuta a bilanciare le differenti energie che ci attraversano, a diventarne consapevoli e imparare a cambiare la direzione quando ci avviciniamo a un eccesso. Spesso viviamo di estremi: eccessiva spossatezza, ci sentiamo privi di forze ed energie, o eccessiva attivazione, che ci porta a eccessi d’ansia e mancanza di sonno. Lo Yoga non è solo esercizio fisico, ma una pratica attraverso cui conseguiamo una maggiore consapevolezza del nostro corpo, delle nostre emozioni, dei nostri stati interiori e di come modificarli.

Nella Tradizione Yoga si parla di riunire Puruṣa e Prakṛiti, coscienza e materia, corpo e spirito. Lo Yoga dei 5 elementi primari ha sia l’obiettivo di equilibrare questi due poli dentro di noi, sia di equilibrare la relazione tra il nostro essere e il mondo esterno.

L’effetto finale sarà di profondo benessere, attraverseremo il nostro corpo abituandoci a sentirlo e a conoscerlo. Impareremo a percepire ciascun elemento dentro di noi e a bilanciare gli elementi in una ricerca costante di equilibrio e armonia. Stabiliremo una connessione più forte e consapevole con noi stessi e con il mondo che ci circonda.

COME E' STRUTTURATO IL CORSO

Faremo un percorso tra i 5 elementi, che verranno affrontati uno alla volta, dal basso verso l’alto, dalla terra verso l’acqua, il fuoco, l’aria e infine l’etere.
Attraverso le posture Yoga, ogni elemento viene messo in relazione alle corrispondenti parti del nostro corpo e ai corrispettivi aspetti interiori ed energetici.
La lezione ha durata di un’ora e un quarto e prevede: una concentrazione attraverso il respiro consapevole, un riscaldamento attraverso tecniche di Vinyāsa (ovvero concatenazioni di Āsana, come per esempio il Saluto al Sole), delle sequenze di posture coadiuvate da semplici tecniche di respirazione (Prāṇāyāma), un rilassamento finale.

I 5 ELEMENTI NELLA FILOSOFIA DELLO YOGA

Secondo la tradizione Sāṃkhya, una delle sei scuole filosofiche classiche dell’India, l'universo si manifesta da una singola fonte di pura coscienza chiamata Puruṣa. L’altra polarità, quella della materia, è chiamata Prakṛiti. La materia si può manifestare sotto innumerevoli aspetti, lo yoga e l’ayurveda (la medicina tradizionale indiana) suddividono queste manifestazioni in 5 gruppi: terra, acqua, fuoco, aria e spazio. Anticamente si credeva che il mondo materiale si fosse manifestato in origine come uno spazio immobile, l'etere, pervaso dalla sottile vibrazione sonora, costituita da pura coscienza, detta Aum o Oṃ (ॐ). Attraversando lo spazio, l’Oṃ produce un soffio, ovvero l'elemento gassoso, l'aria. L'attrito dell'Oṃ con l'aria origina calore e luce, il fuoco, che a sua volta trasforma ciò che incontra in elementi fluidi, l'acqua, e in elementi solidi, la terra.

Questa è la genesi degli elementi secondo la tradizione Sāṃkhya, elementi che combinandosi tra loro hanno dato vita ai corpi umani e celesti. Gli elementi costitutivi della realtà materiale esprimono quindi le condizioni dell’esistenza corporea non solo dal punto di vista umano, ma anche dal punto di vista cosmico.
In ogni parte della materia possiamo ritrovare questi elementi, che ci permettono di conoscere meglio noi stessi e l’universo che ci circonda.

I 5 elementi del nostro viaggio:

Terra – Pṛthvī: la stabilità del sostegno

La terra è il primo elemento, quello più vicino al mondo materiale. Sia nei corpi animali sia nei vegetali l’elemento terra corrisponde più direttamente ai nostri arti inferiori che ci radicano e, nel caso degli uomini e degli animali, permettono lo spostamento sulla terra stessa. Questo elemento simbolicamente richiama le nostre origini, il luogo dove siamo venuti al mondo, ci suggerisce stabilità e fermezza. Una volta entrati profondamente in contatto con la nostra base, riusciremo a mantenere più saldamente una posizione, che sia essa fisica o mentale.

Acqua – Āpas: la creatività dell’istinto

Il secondo elemento è l’acqua, vi arriveremo quando le nostre fondamenta si saranno fortificate e avremo imparato a radicarci, al quel punto saremo pronti per l’energia più mobile e imprevedibile dell’acqua. Nel nostro corpo è situata a livello del bacino. E’ ancora un elemento primordiale, l’acqua è l’elemento dove ognuno di noi ha trascorso i primi mesi di vita. Questa zona del nostro corpo è tanto potente, creativa – qui si genera letteralmente la vita! - quanto di difficile accesso, perché collegata con il fluire delle emozioni e con l’istinto. Connettendoci all’elemento acqua, possiamo risvegliare la sorgente viva della nostra creatività e ritrovare quella fluidità che permette di adattarci al meglio a ciò che incontriamo sul nostro cammino, senza perdere la nostra essenza.

Fuoco – Agni: la forza trasformante dell’azione

Il terzo elemento è il fuoco e corrisponde al centro del nostro corpo e alla nostra potenza. Qui risvegliamo e ci riconnettiamo al fuoco trasformatore. Questa energia è simbolicamente collegata alla capacità di entrare in relazione con il mondo esterno, alla nostra azione trasformativa sul mondo.
A livello fisico, lavoriamo sulla salute dello stomaco, sul nostro apparato digerente, sullo sblocco del diaframma (luoghi spesso bloccati dall'ansia).
A livello interiore, impariamo a fare in modo che le nostre esperienze del mondo si trasformino in forza e determinazione, per affrontare coraggiosamente le sfide della vita.

Aria – Vāyu: l’amore nel nostro cuore

Il quarto elemento è l’aria. Una volta rinsaldata la base, ritrovata la connessione con la sorgente della nostra forza creativa e rinvigorite le nostre capacità di azione nel mondo, proviamo ora ad aprirci a esso, a espanderci. Questa apertura, questa espansione verso il mondo è l’elemento dell’aria, il soffio vitale che attraverso i polmoni e il sangue pulsa la vita nel nostro corpo, la diffonde. Siamo nella zona del cuore, dei sentimenti, degli affetti. Qui avviene la centratura in ciò che amiamo, nei nostri aneliti più profondi. La pratica yoga, a questo livello, diviene una bellissima esperienza di gioia e di amore, di felicità e serenità totale. Impariamo a guardare indietro senza attaccamento, a rivolgerci avanti per aprire il cuore e accogliere ciò che ci rende felici.

Etere – Ākāśa: l’armonia nei nostri pensieri

L’ultimo elemento di questo viaggio è l’etere sottile, lo spazio fuori e dentro di noi.
L’etere è lo spazio simbolico dove scegliamo di vivere, che è allo stesso tempo uno spazio fisico e uno spazio mentale. La parte superiore del corpo è la sede della nostra mente e del pensiero. La mente è uno strumento molto potente che raramente siamo in grado di indirizzare in modo efficace. Solo se la nostra mente si predispone a sostenere al massimo un’azione, questa riuscirà al meglio. La nostra mente ci permette di cambiare prospettiva sulle cose, e questo ha un forte effetto sull’efficacia delle nostre azioni e sulla fatica che facciamo per sostenerle: una stessa azione può risultarci più semplice, meno faticosa e con maggiori possibilità di successo dopo un cambio di prospettiva.
Senza più paure e con il cuore avanti a noi proviamo a lasciarci guidare dall’intuizione, ad abbandonare i soliti schemi della mente razionale, ad abitare il nostro spazio, a utilizzare i nostri pensieri in modo sempre fruttuoso.

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Per ricevere comunicazioni, offerte e promozioni speciali lascia il tuo nome e la tua email